Amministrazione partecipata

Il monitoraggio sul gradimento dei servizi erogati dalla Pubblica Amministrazione è uno degli strumenti di ascolto attraverso i quali la PA si fa parte attiva nello stimolare gli utenti ad esprimere una valutazione sui principali aspetti che possono qualificare il servizio. Il parere dei portatori d’interesse (cosiddetti stakeholder) costituisce infatti un importante elemento per indirizzare il processo di miglioramento dell’amministrazione.

Le pratiche di monitoraggio infatti, sostanziano le linee d'intervento predisposte per qualificare la Pubblica Amministrazione al fine di renderla maggiormente rispondente alle esigenze dell’utenza. Un percorso che rientra tra le priorità del programma di governo per la corrente legislatura.

La prima fase evolutiva della P.A. ha visto potenziare la centralità dell’utenza. Il nuovo obiettivo è la partecipazione diretta di tutti i portatori di interesse alla definizione stessa dei servizi. “Solo così – osserva Zanotti - la Pubblica Amministrazione può accompagnare e promuovere lo sviluppo del territorio in coerenza con le reali esigenze della comunità di riferimento, sostenendo anche le imprescindibili interazioni col contesto internazionale”.

A corollario del monitoraggio rivolto all'utenza,la DGFP ha avviato anche un'indagine all’interno degli Uffici Pubblici, rivolta a tutti i dipendenti, per rilevare il loro punto di vista circa le aree che definiscono il “benessere organizzativo”, ovvero lo stato di salute del contesto lavorativo che incide sulla loro operatività e sulla generale efficienza ed efficacia dell’azione amministrativa.

Le azioni di monitoraggio interno ed esterno alla PA rientrano tra le competenze della Direzione Generale Funzione Pubblica (art.26 L.188/2011)